I risultati dell’indagine di mercato, sul settore biologico italiano nell’ambito del progetto Being Organic in Eu.

Sono stati presentati presso BIOFACH 2024 i risultati dell’indagine di mercato, sul settore biologico italiano, realizzata da Nomisma nell’ambito del progetto Being Organic in Eu.

Il ruolo chiave che la sostenibilità sta assumendo a livello mondiale si ripercuote anche nelle scelte alimentari dei consumatori italiani, che nel 2023 si sono dimostrati più attenti e consapevoli nella selezione dei prodotti acquistati. Nonostante una situazione economica non favorevole, legata anche all’inflazione, per gli acquirenti italiani il carrello della spesa non deve essere solo conveniente, ma i prodotti devono anche garantire alcuni requisiti, come:

•               Salubrità e sostenibilità;

•               Semplicità e rispetto delle tradizioni;

•               Essenzialità.

In questo scenario complesso, la sostenibilità e l’attenzione all’ambiente rappresentano quindi fattori determinanti dei comportamenti di acquisto (negli ultimi 5 anni 1 italiano su 2 ha dichiarato di adottare scelte di consumo più sostenibili).

Fonte: Nomisma per BIOFACH – Consumer Survey 

IL MERCATO BIOLOGICO IN ITALIA: LE DIMENSIONI (SUPERFICI E OPERATORI)

L’Italia è leader del settore biologico a livello europeo, con oltre due milioni di ettari e vanta la più alta percentuale di superfici bio sul totale, il 19% contro l’11% della Germania e della Spagna, e il 10% della Francia.

Fonte: Nomisma – elaborazioni su dati NIELSEN, Assobio, Ismea, Survey Imprese NOMISMA per ICE – Piattaforma ITA.BIO

Le vendite alimentari biologiche nel mercato italiano nel 2023 (consumi domestici e consumi fuori casa) hanno raggiunto quasi i 5,4 miliardi di euro (con una crescita dei consumi fuori casa del +18% rispetto al 2021 e un valore di quasi 1.3 miliardi di euro). Positiva anche la performance dell’export dei prodotti agroalimentari italiani bioloigci che raggiunge i 3,6 miliardi di euro segnando una crescita del +8%.

Nel 2023 il 90% della popolazione di età compresa tra 18 e 65 anni ha acquistato consapevolmente almeno un prodotto alimentare biologico. Il bio rappresenta ancora per la maggior parte degli acquirenti (58%) la prima scelta, soprattutto per alcune categorie come frutta e verdura fresca, uova (12%) e olio extra vergine di oliva.

Fonte: Nomisma per BIOFACH – Consumer Survey

Ma cosa spinge i consumatori italiani a scegliere il biologico?

  • il 27% degli intervistati ritiene i prodotti bio più sicuri per la salute
  • il 23% li ritiene più rispettosi dell’ambiente
  • il 10% li sceglie per la salvaguardia del benessere animale
  • un altro 10% vuole tutelare la sostenibilità sociale e intende sostenere i piccoli produttori

Fonte: Nomisma per BIOFACH – Consumer Survey

Il monitoraggio condotto da Nomisma evidenzia aspetti fondamentali per lo sviluppo del settore. La consapevolezza nelle scelte alimentari passa dalla conoscenza delle produzioni e dell’impatto ambientale che queste hanno. In questa logica è proprio il consumatore che richiede maggiori informazioni sulle caratteristiche degli alimenti e del loro processo produttivo, che spesso non sono presenti:

  • il 28% ritiene di non avere informazioni sufficienti per valutare le caratteristiche del prodotto biologico;
  • il 57%, nonostante abbia una buona consapevolezza di prodotto, vorrebbe comunque avere maggiori informazioni.

La crescita del settore passa quindi dalla capacità che questo avrà di sensibilizzare i consumatori fornendo tutti i dettagli e le informazioni necessarie per una scelta sostenibile e consapevole.

Alt="campi coltivati con metodo biologico aumentano la biodiversità del 30 per cento"

L’AGRICOLTURA BIO AUMENTA FINO AL 30% LA BIODIVERSITÀ

Alt="guida del consumatore Being Organic In Eu"

Scopri il biologico europeo con la guida Being Organic in Eu

Alt=" rete italiana dei comuni liberi da pesticidi chimici"

I TERRITORI AMANO IL BIO – IN TOUR –

EUROPEAN ORGANIC DAY. IL 23 SETTEMBRE SI CELEBRA L’ECCELLENZA DEL BIO EUROPEO

BEING ORGANIC EU AL CENTRO DELL’ORGANIC FOOD CONFERENCE

L’AGRICOLTURA BIOlogica È PIÙ RESILIENTE AL CLIMA ESTREMO

IL NUOVO PIANO D’AZIONE UE PER IL BIOLOGICO

IL CIBO BIOLOGICO È PIÙ SANO

Alt="Organic food"

IL CIBO BUONO VIENE DALLA BUONA SALUTE DEL SUOLO